BACK


voto : 8,5/10


"...Davvero molto buono questo esordio dei Captura.! Ispirati dalla scena americana (la cosidetta bay area) e da un death metal molto tecnico soprattutto per quanto riguarda certi passaggi di chitarra.Velocità a mille e precisione esecutiva sono le carte principali del gruppo che però se la cava alla grande quando abbassa il ritmo per soluzioni più melodiche, come nel ritornello della title track che difficilmente vi si toglierà presto dalla testa. Produzione più che ottima per essere un demo e copertina decisamente ben curata fanno da giusto contorno ad un album veramente buono. Influenzati dal tipico thrash americano ma non solo, provate a sentire "Sguardi" e vi sembrerà per un attimo di ascoltare un disco dei compianti Death col suo riff iniziale cadenzato e ipnotico prima dell'esplosione sonora nella parte centrale del brano. Molto più in stile Pantera è invece la conclusiva MYA, aperta da un drumming quasi tribale , e caratterizzata da chitarre pesantissime e da un ottimo lavoro nella sezione ritmica col basso che invece di sparire dietro al muro di chitarre finisce con l'avere un ruolo fondamentale. Velocissimo invece il primo brano, tipico pezzo thrash che potrebbe sembrare forse il più scontato del lotto ma grazie ad un'ottima prova dei due chitarristi nel bridge e del batterista nel ritornello finisce col risollevarsi e a dimostrare anche una buona personalità. Della title track ho già parlato prima, si apre con due minuti di intro caratterizzato da un riff di chitarra molto lento, poi lentamente inizia a salire di ritmo fino al ritornello. Molto difficile trovare pecche in questo demo, trattandosi poi della prima uscita ufficiale il futuro non può che essere roseo per i Captura. La tecnica è elevatissima, il songwriting è sufficientemente ispirato, rabbia e potenza ci sono e dosate nel modo migliore..Cosa manca allora? Una bella casa discografica che li valorizzi al punto giusto, poi il gioco sarà veramente fatto..In bocca al lupo ragazzi!"


Vai su